Cerca
lunedì 23 aprile 2018 ..:: Piante Ornamentali » Alberi » Faggio ::.. Registrazione  Login
 Prebonsai ilpianetaverde Novità Riduci

   Catalogo Prebonsai Piante disponibli

Piante di Oltre 3 Anni

Acero Saccharinum  - Acero Palmato Rosso Giapponese - Acero Palmato verde Giapponese - Acero tridente - Acero Amurense - Acero Campestre - Albero di Giuda - Agrifoglio - Azalea - Buxus Nano - Castagno - Ciliegio - Cotoneaster - Ciliegio Santa Lucia - Cedro dell'Atlante  - Crespino - Forsizia - Gelso - Glicine - Hibiscus - Quercia Roverella - Leccio - Fraxino - FaggioCarpino Bianco - Olmo -Olivo - Ortensia -Melo -Pero - Pesco - Acero Minore- Acero Negundo - Acero RiccioCerroCorniolo - Ginko Biloba - GineproIppocastanoMandorlo- Nocello - Olivello Spinoso - Olivo di Boemia - Pioppo Bianco - Pioppo Nero  - Prugnolo - Pruno selvatico - -Quercia Rossa Americana - Kiwi Actinidia - Susino Mirabolano - Salice Biondo - Tiglio - Melograno - Viburno -

 

 Per ordinare le piante scrivere una e-mail a: ilpianetaverde@gmail.com     Tel. 349.3617946

Nella email specificate sempre l'età delle piante che volete ordinare

Vedi le informazioni come ordinare le piante


Attenzione  Tutte le spedizioni verranno effettuate il lunedì o il martedi successivo all'acquisto .

Spese di spedizione  :

Piante di anni 3/4 : 1 pianta € 8,50 - Fino a 3 piante € 10,50 - Oltre 3 Piante fino ad un max di 9 Piante  € 12,50

Piantine di Anni 1/2 : Fino a 10 piantine e 10,50 - Fino a 30 piantine € 12,50

 vedi le piante in vendita su

Le Piante Aggiudicate su ebay si possono spedire insieme a quelle acquistate nel sito

 Da oggi è Possibile anche il pagamento in contrassegno con una maggiorazione sulle  spese di spedizione di € 5,00


 Stampa   

Navigazione Sito

 Chat Riduci

Chiedici Qualsiasi cosa clicca

   sul pulsante della chat

     in Basso a destra

 


 Stampa   

 COOKIE LAW Riduci


 Stampa   

 iscriviti alla newsletter Riduci


 Stampa   

 Strett view Riduci

      

             Guarda lo street view


 Stampa   

 ilpianetaverde Riduci

 





          Visita il nostro negozio online


               Piante055.gif

                     


 Stampa   

 analytic Riduci

 


 

 

 

 

 


 Stampa   

   Riduci


 Stampa   

 Faggio Riduci

l Faggio (Fagus, Linnaeus 1758) è un genere di angiosperme (pianta che produce semi all'interno di un frutto) appartenente alla famiglia delle Fagaceae, con specie arboree e arbustive originarie dell'Europa, America, Giappone e Cina, con altezza dai 15-20 m fino ai 30-35 m, il nome latino del genere potrebbe derivare dal greco faghein (= mangiare) per i frutti eduli di cui i maiali sono ghiotti.

Il faggio (Fagus sylvatica) ha una chioma massiccia, molto ramificata e con fitto fogliame, facilmente riconoscibile a distanza perché molto arrotondata e larga, con rami della porzione apicale eretti verticali. Le foglie ovali sono disposte sul ramo in modo alterno, lucide su entrambe le facce, con margine ondulato, cigliato da giovani. In autunno assumono una caratteristica colorazione arancio o rosso-bruna. Fiori monoici, piccoli e verdastri, quelli maschili riuniti in amenti tondi e penduli, lungamente picciolati, quelli femminili accoppiati in un involucro, detto 'cupola', hanno ovario triloculare, la fioritura avviene generalmente nel mese di maggio. I frutti sono grossi acheni, trigoni, rossicci, contenuti in ricci deiscenti per 4 valve, sono detti faggiòle o faggine.

Il faggio è diffuso sulle Alpi e sugli Appennini, dove forma boschi puri (faggete) o misti (di solito con Abies alba o Picea abies), nelle stazioni oltre i 1500 m s.l.m. o in condizioni sfavorevoli si presenta come un arbusto prostrato e molto ramificato, adatto a sopportare il peso del manto nevoso per lunghi periodi.

Tra le varietà ornamentali più note ricordiamo il Fagus sylvatica var. purpurea Ait. con foglie rosso-vinoso, e il Fagus sylvatica var. pendula dal portamento maestoso, dai lunghi rami ricadenti, con foglie dai riflessi iridiscenti, rosso-brillante o macchiettati di

Uso

  • Per decorare parchi e giardini
  • In silvicoltura per la forestazione di colline e montagne a clima fresco e nebbioso, con frequenti precipitazioni estive
  • Il legno di faggio, omogeneo e pesante, privo di elasticità ma resistente, inizialmente di colore bianco col tempo rossastro, è ottimo per lavori di tornitura e mobileria, un tempo utilizzato per le traversine ferroviarie e come ottimo combustibile
  • I frutti privati del pericarpio velenoso e arrostiti si consumano come succedanei di castagne, nocciole o mandorle, tostati sono un surrogato del caffè.
  • L'olio estratto dai semi, di colore pallido e sapore dolciastro viene utilizzato come condimento e un tempo come combustibile
  • Le foglie vengono usate come foraggio per il bestiame, nelle zone con scarsi pascoli
  •  

Metodi di coltivazione

Il faggio è una specie con particolari esigenze ambientali, vive in ambienti con abbondanti precipitazioni ed elevata umidità, ma allo stesso tempo è sfavorito dal ristagno d'acqua nel terreno, dal freddo intenso e dalla siccità prolungata. Non ama le depressioni profonde o oscure delle valli, ma neppure le sommità asciutte. È favorito in quella parte di montagna in cui si addensano le nubi e le nebbie. In presenza di suoli non molto acidi e humus fertile cresce bene sia su rocce carbonatiche che silicee, in condizioni difficili predilige invece un substrato carbonatico-dolomitico.

Le cultivar pregiate si moltiplicano a marzo per innesto a spacco o a giugno per innesto a occhio o per approssimazione

Avversità

  • Insetti:
    • Afide bianco - l'attacco dell'emittero Phyllaphis fagi L. provoca l'ingiallimento fogliare ed una sofferenza generale della pianta
    • Coleotteri:
      • Agrilo verde - le larve di Agrilus viridis attaccano le giovani piante scavando gallerie dapprima nella corteccia e successivamente nel legno
      • Maggiolino - l'adulto di Melolontha melolonta L. erode le foglie ed i rametti teneri, le larve si nutrono delle radici
    • Lepidotteri:
      • Bombice dispari - le larve di Lymantria dispar  L. si nutrono del lembo fogliare
      • Bombice gallonato - le larve pelose di Malacosoma neustrium L. lunghe fino a 5 cm, si nutrono del lembo fogliare
    • Cecidomia - le larve del dittero Mikiola fagi Hart. provocano galle piriformi sulle foglie danneggiando le giovani piante utilizzate in silvicoltura nei rimboschimenti
  • Funghi:
    • Carie del legno - il legno attaccato da Schizophyllum comune (L.) Fr., Fomes igniarius (L. ex Fr.) Kic. e Fomes fomentarius (L.) Gill., viene alterato perdendo consistenza assumendo una consistenza spugnosa di aspetto biancastro per la distruzione della lignina, all'esterno dei tronchi colpiti si notano i corpi fruttiferi dei patogeni a forma di orecchiette grigie per il Schizophyllum commune; a forma di mensola o zoccolo per il Fomes igniarius e il Fomes fomentarius
    • Marciume delle piantine - la Phytophthora omnivora De By. provoca lesioni necrotiche al colletto delle giovani piantine coltivate in semenzaio
Oidio - l'attacco delle Erisifaceae Microsphaera omnivora (Wallr.) Wint. e Phyllactinia suffulta (Reb.) Sacc. provoca sulle foglie delle tacche dapprima traslucide, successivamente ricoperte da micelio biancastro

Questo articolo è rilasciato sotto i termini della GNU Free Documentation License.
Esso utilizza materiale tratto dalla voce di Wikipedia Italia   http://it.wikipedia.org

 Link  pagina  wikipedia

Wikipedia L'Enciclopedia Libera

Che cosè la GNU Free Documentation Licenze

Vedi anche la Pagina  Copyright  ilpianetaverde



ilpianetaverde

 Stampa   

Copyright (c) 2000-2006   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2018 by DotNetNuke Corporation